Pagine

lunedì 31 marzo 2014

Associazione Musicale Jazzy


Veniamo dunque a presentare un'attività presente all'interno del Circolo ormai dal 2012. 


L’Associazione Musicale “Jazzy” nasce da un’idea del M. Alessandro Bozzi, insegnante di canto jazz, che dopo vari anni d’attività e di formazione in vari ambiti musicali dell’area fiorentina, ha sentito come esigenza la creazione di uno spazio dove rendere concrete e produttive tali esperienze.
Con la collaborazione, l’entusiasmo e il determinante apporto di Maria Antonietta Ciulla, Laura Romanelli e Ilaria Landi, nell’ottobre del 2011 il “sogno” si è concretizzato.

L’Associazione si propone -nello specifico- di favorire la diffusione della cultura nella sua accezione più ampia anche attraverso lo scambio tra culture diverse con particolare attenzione al settore della musica e del canto.

All'interno dell'Associazione sono nate collaborazioni, gruppi musicali e nuovi Corsi (di Chitarra tenuto da Stefano Bazzi, e di Batteria tenuto da Simone Vignoli); 
vediamo intanto i Gruppi:



A MAD TEA PARTY
L’incontro artistico tra il chitarrista Stefano ed il cantante Alessandro avviene nell’estate del 2011.
La nascita del duo acustico (chitarra e voce… appunto!) è la naturale conseguenza di prove, incontri e collaborazioni sfociati nella realizzazione di un repertorio vasto che attinge soprattutto agli standard jazz, blues, bossa e soul.
Dare vita ad un progetto adatto a plasmarsi alle varie richieste ha richiesto anche l’introduzione nel repertorio di brani della tradizione pop e rock soprattutto italiana.

Nel corso dei loro incontri e performances live, i due sono riusciti a dare sempre più forma e motivazione a questo un mix musicale rendendolo al tempo stesso interessante e coinvolgente.





JAZZY VOICES ENSEMBLE
L’insieme vocale nasce a scopo didattico nel gennaio del 2005, all’interno dei corsi musicali tenuti ed organizzati dal M. Alessandro Bozzi con il nome “daltrocanto”. Con la costituzione dell’Associazione Musicale Jazzy nel 2011 il gruppo cambia il proprio nome in “Jazzy Voices ensemble”.
Nell’arco degli anni il gruppo si è cimentato su un repertorio sempre più vasto non solo per quantità di brani elaborati ma soprattutto per gli stili ed i generi affrontati. Inizialmente sono stati il gospel e lo spiritual i fili conduttori della proposta del coro, ma presto questi generi sono stati affiancati da un repertorio che ha guardato soprattutto al jazz passando dal pop, al blues, al rock ed a stili molto più classici come il traditional ed il

madrigale. Ma è la proposta afroamericana che caratterizza questo gruppo proponendo con le sole voci atmosfere particolari e suggestive, avvalendosi solo sporadicamente di accompagnamento musicale (soprattutto chitarristico) e comunque solo in veste acustica, cavalcando col proprio stile palcoscenici diversi in diverse occasioni nell’interland fiorentino e partecipando a rassegne e manifestazioni corali e non.
La formazione è attualmente composta da 12 elementi suddivisi in 5 sezioni.












 
CATE&ALE DUO PIANOBAR
Alessandro e Caterina si conoscono molti anni fa quando la “piccola Kate” inizia a frequentare il corso di canto tenuto dal “vecchio Ale”. Col tempo è nata una collaborazione sempre più assidua ed attenta che si ritrova nell’originalità del repertorio affrontato, nel modo e nell’approccio al mestiere dell’intrattenimento volto a coinvolgere ed emozionare il pubblico senza eccedere o cadere nel banale!
Il repertorio affrontato dal duo è capace di soddisfare qualsiasi richiesta nel campo del piano bar, caffè concerto, intrattenimento per feste, eventi e celebrazioni.
Il repertorio strizza l’occhio alla black music dal jazz al blues, dal funky al soul, dal r&b alla dance passando per i classici della musica di ogni epoca e stile.
Per gli appuntamenti più particolari il duo mette a disposizione la propria esperienza e duttilità anche per repertori “a richiesta”.











Per qualsiasi informazione potete contattare direttamente l'Associazione tramite 
la pagina fb: Associazione Musicale Jazzy ;
il Blog: associazionemusicalejazzy.wordpress.com 
qui il link: http://associazionemusicalejazzy.wordpress.com/ che trovate anche sul blogroll del Progresso, qui in alto a sinistra.

Al più presto pubblicheremo il prossimo evento, programmato per il 19 Aprile.


venerdì 28 marzo 2014

"Io sogno qualcuno che abbia la mia stessa voglia di sognare..."


“Io sogno qualcuno che mi porti via, dalle ingiustizie, dalle incomprensioni, da una vita che non è come la vorrei! Sarà un principe su un cavallo bianco… o forse semplicemente un ragazzo al galoppo di una scopa? .... Chissà ….Purché abbia la mia stessa voglia di sognare”
 
“Io sogno una sposa sinceramente innamorata di me e non della corona che dovrò portare…
 
La incontrerò ad un gran ballo o forse per caso in un bosco… ma so che guardandola negli occhi sentirò  il mio cuore volare via…”
 
 
 
Che tu sia un principe od un’orfana quando nessuno ti considera come una persona è inevitabile ridursi in cenere. Sentirsi nulla e pensare che niente potrà cambiare … ma alle volte basta una scintilla  a far riaccendere un fuoco spento, e quella nuova piccola speranza riaccesa darà la forza di cambiare tutto!
 
 
 
 
Domenica 30 Marzo alle 16.30 
presso il nostro Teatro si entra in un clima di Fiaba insieme ad Olga Melnik e agli attori che metteranno in scena "Cloppete cloppete cloppete...fan le scarpette di cristallo", liberamente tratto, e riadattato per tutte le età, da la celebre fiaba di Cenerentola.

Lo spettacolo in musica, scritto e diretto da Olga Melnik ha vinto moltissimi premi, tra cui:
 
-Premio Migliore Opera al Festival Nazionale a Castelfranco di Sotto(PI) - 2006

-Premio Compagnia Vincitrice, Premio Migliore Regia, Premio Migliore Attrice al Festival Nazionale a San Miniato (PI) – 2006

-Premio Migliore Regia al Festival “Le chiavi del teatro” di Montespertoli - 2008


Dice la Compagnia: 
"Quella di Cenerentola è una storia antica, molto sfruttata nel mondo dello spettacolo, ma noi qui ve ne proponiamo una versione tutta nostra. In una girandola di colori potrete vedere dei buffi personaggi che giocheranno con voi come in un sogno… perché ricordate:
 
“Il mondo è un gran teatro, siam tutti commedianti.
 
Si può in brevi istanti carattere cambiar.
 
Tra misteriose nuvole che l’occhio umano non penetra
 
Sta scritto quel carattere che devi recitar!”
 

Gli attori:
 
Cenerentola –  Romana Rocchino
 
Re Maros - Leonardo Nuti
 
Ministro Siber -  Gianni Monini
 
Matrigna Caldana -  Tiziana Fusco
 
Sorellastra Tida -Vera Striganova
 
Sorellastra Mida – Adele Pocci
 
Fata Flambé - Valentina Schiavi
 
Paggio Lucillo - Ilaria Mulinacci
 
Principe Agon - Leonardo Becucci
 
Servi di scena: Samuele Batistoni, Vasco Bonechi, Stefano Meucci , Stefano Montefalchi, Matteo Facenna
 
 

giovedì 20 marzo 2014

I Briganti & la Pizzica

Sabato 29 Marzo presso il Teatro del Progresso si respirerà l'aria del Sud; infatti attraverso il connubio perfettamente accordato tra balli tradizionali come la Pizzica, Narratori e Accompagnamento Musicale dal Vivo, ci verrà narrata una storia, che ci farà respirare i profumi di un'altra regione.
Lo spettacolo inizia alle 21.00 e l'ingresso è libero, verrà richiesto solo un contributo, anch'esso libero, per le spese affrontate.

Colgo l'occasione per segnalarvi che all'interno delle mura del Progresso si svolge grazie ad Annalisa e Chiara, anche il corso di Pizzica.
Verranno riportate su questo blog maggiori informazioni in proposito, ma intanto potrete comunque chiedere contatti ed informazioni, se interessati, allo spettacolo di "Briganti!... partigiani in minore"

giovedì 13 marzo 2014

"Gli Uccelli" Aristofane



Il Teatro d'Almaviva presenterà il 25 e 26 marzo alla Flog lo spettacolo "Gli Uccelli" Storia di una dittatura, tratto da Aristofane.
La programmazione sarà sia serale, alle ore 21.15, sia in matiné alle ore 10.00, progetto realizzato per le Scuole all'interno de la rassegna Le Chiavi della città dell'Assessorato Istruzione del Comune di Firenze.



Vediamo meglio di cosa stiamo parlando:

“Gli Uccelli”  (genesi d'una dittatura) è una satira visionaria sul sogno d’un mondo migliore e sulle insidie della realtà sugli ideali. 
Un popolo (gli Uccelli), sereno e sobrio, è dapprima acceso d’ideali, di speranza ed ardore rivendicativo, poi deluso e soggiogato da un regime intransigente. Aristofane, sarcastico, osserva entusiasmi ed ingenuità accendersi per il desiderio d’un vivere libero e semplice in cui spiegare le ali di talenti ed ideali, in onestà, giustizia, ed armonia con la natura, e poi cadere nella grande menzogna, la fascinazione d'ambizione e potere, fino alla perdita della libertà.  
Il grande sogno si rovescia nella stessa situazione chiusa di cui voleva essere l’alternativa. 
L'adattamento del TdA sottolinea tematiche come "fuga di cervelli", "diversità", onestà/opportunismo, libertà/potere, immigrazione.  
L'allestimento è suggestivo ed umoristico, con maschere, musica live, luci e costumi, ed un'operazione sul testo che renda fruibile il linguaggio diretto e l'originalità di Aristofane, restituendo la magia della grande Commedia Greca classica.
Il tutto narrato in Commedia, veloce, brillante, colorata, beffarda.


Qui di seguito riporto un link attraverso il quale sarà possibile visionare il Trailer dello spettacolo: http://youtu.be/91BHJSEj2MY 


 
Compagnia  Teatro d'Almaviva
Regia:              Lorella Serni e Duccio Barlucchi
Adattamento e MaschereDuccio Barlucchi
Con                 Davide Arena, Lorenzo Baglioni, Sofia Busia, Eleonora Da Boit, Andrea Donnini, Chiara Magnelli, 
                       Simone Margheri, Marta Martini, Alice Perini, Vanessa Villani, e la voce di Fulvio Ferrati (inno alle ali)
Suoni e luci:     Lorenzo Castagnoli  -  Scene:   Lapo Scotti -  Costumi:   Fabrizio Buricchi e Sartoria Celeste Carmignano



Il Corriere di Siena riporta: 

" Una commedia rappresentata per la prima volta nel 414 a. C., ma
sempre attuale e pungente, oggi come allora. "Gli Uccelli" di Aristofane
è andata in scena giovedì 14 marzo al Teatro dei Rozzi, a cura della
compagnia "Teatro d'Almaviva". Maschere in stile veneziano con becchi
appuntiti, costumi colorati, scenografie essenziali che trasmettono
d'impatto la libertà e i grandi spazi dell'aria e del cielo hanno caratterizzato
una rappresentazione brillante che ha coinvolto piacevolmente
l'intero pubblico dei Rozzi. Una recitazione che parte dalla platea,
attori che iniziano le prime battute del testo di Aristofane aggirandosi
in mezzo al pubblico nella penombra. Un ombrello luminescente e
una lanterna appesa ad un legno in mano ai due protagonisti, i quali,
fuggiti da Atene, si sono messi alla ricerca di una società ideale: una
città senza le degenerazioni della democrazia, senza le ruberie della
politica e le "lungagnate" dei tribunali. Musiche e suoni hanno spezzato
con successo quella inevitabile monotonia testuale, frutto dello
scarto esistente tra la sensibilità della Grecia classica e quella dei nostri
tempi. Felici e appropriati i momenti rock e blues coni quali sono stati
scanditi molti passaggi del recitato. Il
gran capo degli uccelli ha accompagnato
battute e movenze di scena improvvisando,
direttamente sul palco, fraseggi e
scale su chitarra elettrica. Ma la società
ideale degli uccelli dura ben poco: i due
protagonisti "appestano" il mondo libero
dei volatili trasmettendo loro "il morbo"
delle passioni e delle ambizioni, fino
ad arrivare al paradosso della fondazione di una città degli uccelli: Nubicuculia.
Una città che, per mezzo di mura e confini, mette termine - di fatto - a
quella libertà di spazio e movimento che caratterizza il cielo e la vita degli
uccelli da quando il mondo è mondo. Una commedia interpretata spesso
come pura evasione e trionfo della fantasia, senza riferimenti politici o sociali
di alcun tipo. Ma altre volte vista anche come invettiva contro la democrazia
degenerata, la tirannia dei capipartito, contro gli scempi della politica e
di quel sistema corrotto e "incallito" che avvelena la società. E per ritrovare
tutto questo non c'è bisogno certo di risalire all'antica Grecia."

Duccio Rossi



BIGLIETTI:   INTERO: € 12 – RIDOTTO: € 10 – STUDENTI: € 7

INFO E PRENOTAZIONI: info@teatrodalmaviva.com - 348 0960963 - 335 5915607