Pagine

martedì 23 giugno 2015

100 anni.....e poi?

Un compleanno importante e anche di successo quello del PROGRESSO, specie quando il PROGRESSO  è uscito dalle proprie mura ed è andato per le strade del quartiere (sul sito www.circoloilprogresso.it è possibile trovare il racconto fotografico).
Le due giornate di Piazza Giorgini sono state l'occasione per ricordare a tutti che il PROGRESSO è una realtà viva e non  è solo il luogo dove le situazioni di disagio (solitudine, alcool e dipendenze, inoccupazione ecc...)  prevalgono su tutto. Sono state anche l'occasione per molti cittadini di farci sapere il loro interesse per le attività delle Associazioni che lavorano nel circolo e per esporci le difficoltà che si incontrano a frequentare il PROGRESSO.

Sono nati anche nuovi interessi e idee che però dovranno trovare le gambe per essere realizzate.

Il PROGRESSO è uno spazio  nel quale le Associazioni possono svolgere la loro attività culturale e sociale, disponendo anche (e soprattutto) di un TEATRO dotato di attrezzature per sperimentazioni artistiche teatrali e musicali.
Noi siamo impegnati nel tenere vivo questo spazio preziosissimo della città e vorremmo che altri soci del circolo, ma anche cittadini che ancora non lo sono, ci aiutassero a  e far diventare il PROGRESSO un luogo aperto a tutti. Perché solo con iniziative e attività che possano coinvolgere un sempre maggior numero di persone, è possibile contenere le situazioni di disagio che ancora per molti cittadini (ma anche soci) rappresentano un ostacolo alla frequenza delle attività del circolo.

Ci aspetta una stagione 2015-16 con un cartellone teatrale e un cartellone musicale 
ci aspettano nuovi appuntamenti nelle piazze del quartiere,
ci aspettano nuovi corsi ancora più stimolanti, 
ci aspetta un rinnovamento totale per affrontare i prossimi cento anni. 

La vicenda del PROGRESSO è ancora tutta da scrivere. E la potete scrivere solo voi, soci o futuri soci. Per questo vi aspettiamo con le vostre proposte e la vostra disponibilità, consapevoli come siamo che un'esperienza di volontariato in una realtà come quella del Progresso, nella quale la cultura del tempo libero si incontra con problematiche sociali e aspirazioni interiori, sia un arricchimento importante per tutti.


sabato 13 giugno 2015

Quando al Progresso c'era La scuola di Musica IL PROGRESSO

1990: nasce la Scuola di musica "IL PROGRESSO"


I giovani insegnanti di allora, ora noti musicisti:

Ranieri Sessa : Chitarra e Musica d'Insieme
Eloisa Perricone : Chitarra e Storia della Musica
Silvia Da Boit: Pianoforte
Fabio Albertosi: Pianoforte
Andrea Carmagnola: Flauto dolce
Mauro Fabbrucci: Violino
Maria Laura Deponte: Flauto traverso, Canto Corale e Propedeutica musicale
Francesco Colonnelli: Tromba
Patrizia Angeloni: Fisarmonica
Stefano Rapicavoli: Percussioni
Marco Cancellieri: Sassofono, Laboratorio strumenti a fiato, Improvvisazione
Simone Ermini: Clarinetto
Paolo De Napoli: Canto

venerdì 12 giugno 2015

Cent'anni di Progresso: lo Statuto del 1915

Eccolo lo Statuto del 1915 dove è riportata la data di fondazione: 18 giugno 1915

                                                                                                            La Società ricreativa di Montughi Il Porgresso   si propone:

di concorrere all'educazione ed istruzione morale dei soci e delle loro famiglie mediante conferenze, istituzione di biblioteche ed altri analoghi provvedimenti

di tenere aperto il locale della propria Sede anche per ricreazione fra i Soci e Famiglie con giuochi leciti e trattenimenti serali e diurni

di sviluppare e consolidare i vincoli di fratellanza e di solidarietà fra tutti i figli del lavoro nel campo intelettuale e morale e in quello economico
  

venerdì 5 giugno 2015

Quando nel Progresso pioveva disperatamente......

Dicembre 2010: L'asl (e i vicini) costringono il Progresso a rifare la copertura (in eternit)  del teatro.
Per una serie di circostanze sfortunate il cronoprogramma salta... i lavori invece che a settembre finiscono per procrastinarsi a dicembre...... finiranno a febbraio. La posa delle capriate avviene sotto un diluvio che dura tutto il giorno....senza sosta...... le capriate non combaciano con i muri..... i teli di plastica non tengono...... il teatro rimase inutilizzato fino a marzo....



L'acqua entra dovunque.... anche il piano bar è allagato....